Storia

L' A.I.Te.FeP. Associazione Nazionale Perfusionisti in Cardiochirurgia fu costituita nel 1978 e conta ad oggi, circa 200 iscritti.

Gli obbiettivi principali sul quale si fonda l' A.I.Te.FeP. è la tutela degli interessi professionali, morali ed economici della categoria dei Tecnici di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare.

Fin dai primi anni dalla sua nascita, si è occupata di far riconoscere giuridicamente la figura professionale del Perfusionista, figura di riferimento per cui era stata costituita l’associazione cercando di ottenere una legislazione completa in Italia che fosse in armonia con le norme Comunitarie.

L’ Associazione ha lo scopo di :

-      rappresentare a livello nazionale ed intemazionale in tutte le sedi opportune la categoria professionale

-       promuovere azioni per l’istituzione di idonei percorsi formativi

-       promuovere la formazione permanente di ricerca, attraverso l’attività' di divulgazione ed organizzazione di congressi, corsi, convegni e conferenze

Attualmente è impegnata, assieme alle altre figure sanitarie nell’istituzione di un Albo professionale che tuteli i Tecnici di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare nell' esercizio della loro professione ed i cittadini nel loro diritto alla salute.

Fin dal 1991 l’A.I.Te.FeP. ha aderito al programma dell’E.B.C.P. (Commissione Europea per la Perfusione Cardiovascolare ) che si prefìgge lo scopo di uniformare tutti i Perfusionisti europei in termini di scolarità' e training al fine di creare un unico standard professionale riconosciuto a livello intemazionale. L’ E.B.C.P. in rappresentanza dei perfusionisti di tutte le nazioni, farà da portavoce presso il Parlamento Europeo per ottenere il riconoscimento della figura del Perfusionista in campo intemazionale.